• biennale-martelive-date-2014
  • biennale-martelive-location-2014

BiennaleMArteLive 2014

La morte della Bellezza @ Centro Studi Elsa Morante

26 settembre 2014
h. 21.00
Centro Studi Elsa Morante 
Biglietto: 10,00 Euro

Nell'ambito di PERFORMATIVA, rassegna di teatro e danza contemporanea presentata nel programma della #BiennaleMArteLive, il 28 settembre il Centro Studi Elsa Morante ospiterà lo spettacolo "La Morte della bellezza".

TEATRO SEGRETO e Ruggero Cappuccio
presentano:

LA MORTE DELLA BELLEZZA
Oratorio profano per Giuseppe Patroni Griffi

Regia Nadia Baldi

con
Nadia Baldi - Antonella Ippolito – Franca Abategiovanni
Marina Sorrenti 
e con
Roberta Rossi
Andrea Bonioli

Musiche originali dal vivo
Roberta Rossi
Andrea Bonioli

Progetto luci e immagini
Nadia Baldi

Organizzazione
Teatro Segreto


La morte della bellezza di Giuseppe Patroni Griffi. 
Romanzo classico e storico. E’ la vicenda di un amore omosessuale fra due giovani, sullo sfondo di una Napoli in piena guerra e sotto i bombardamenti aerei; amore sensuale e sentimentale, controverso e negato, che l’atmosfera crudele e incantata di una città fatale rende simbolico come le fiamme che la esaltano e distruggono.
Emerge il conflitto fra l’educazione sentimentale e la celata omosessualità del sedicenne Eugenio che, insidiato dal giovane tedesco Lilandt, prima lo rifiuta e poi si getta impetuosamente in un legame amoroso. 

Cinque leggii sono l’unica scenografia, resi viventi da un accordo di morbide e graffianti voci che illuminano il palcoscenico e rendono irresistibile La morte della bellezza, romanzo classico e storico di Patroni Griffi.
Qui il soggetto non è soltanto quello dichiarato in prima battuta Com’era bella Napoli quaranta anni fa, ma anche l’omosessualità, che lo scrittore-regista narra con cenni insoliti e coraggiosi, afferrati nella sua intrinseca e naturale inclinazione scenica dal riadattamento di Nadia Baldi.
Nella Napoli del ‘43, sotto i bombardamenti incessanti, brucia la storia di due giovani la cui straordinaria bellezza ha come sfondo una città contraddistinta, quaranta anni fa, dallo splendore di Posillipo e del mare….meglio che i Caraibi . La mimesi linguistica, presentata con grazia ed ironia dalle cinque protagoniste, celebra la consacrazione, da parte di Eugenio e Lilandt, ai sensi del corpo, alla voluttà di un amore tormentato, negato ed in seguito bramato. Ebbe la sensazione che tutta quanta la sua vita, con la rapidità di una fisarmonica che si chiude, si concentrasse per arrivare a questo momento.
La morte della bellezza, nel riadattamento, rispetta ed esalta lo “stile d’acqua” di Patroni Griffi che, associato alla capacità da parte delle interpreti nel trattare con una rara attitudine gestuale e vocale un argomento così delicato come la omosessualità, scorre fluente come acqua.
La rielaborazione del testo evidenzia una grande abilità femminile a raffigurare con destrezza e maestria l’avvenenza e la riluttanza di un amore maschile. Una nota caratteristica si concentra sull’ironia di pezzi musicali che irrompono prepotentemente sulla scena, adeguandosi alla situazione ambientale concreta di una Napoli sempre sospesa tra farsa e realtà.

Info: labiennale.eu – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Centro Studi Elsa Morante 060608 
(tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00)
www.centriculturali.roma.it
Biglietto: 10,00 Euro

logo

ROMA // LAZIO

40 location, 900 artisti, 250 spettacoli
Seguici.

contentmap_module

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.